Cannibali, mostri, vampiri e comunicatori.

Stamattina sfogliando city sul tram un titolo mi ha colpita particolarmente e mi ha fatto pensare all’Aperitoffee di ieri sera con occhi diversi.
Il titolo, non ve la prendete, era una cosa tipo:

Mostri Online


Sono corsa a pagina 11 pensando di trovare la mia foto ( o al più quella di Mizio), e invece l’articolo si riferiva al caso di Armin Meiwes, il tedesco che nel 2001 aveva ucciso e divorato un uomo conosciuto in rete ed ha recentemente rilasciato un’intervista televisiva. Il giornalista riporta che, stando a Meiwes, sono oltre 10mila i cannibali e le potenziali vittime che si cercano in rete.

Capisco che il mio percorso mentale possa apparire contorto, ma questo paradossale incontro tra domanda e offerta mi ha fatto riflettere su molti dei temi che sono stati toccati ieri sera.

In primo luogo l’interesse.

Secondo me è stata proprio questo il filo rosso delle tante riflessioni sulla rete e sull’evoluzione della comunicazione a cui stiamo assistendo in questi giorni. L’interesse è ciò che fa sì che una community si evolva e continui a vivere autonomamente anche se scarsamente alimentata dall’alto. L’interesse è il fattore che distingue il seeding dallo spam. E’ ciò che sta alla base del viral e dell’UGC. La condivisione di interesse è ciò che caratterizza le relazioni online. E’ ciò che fa sì che persone estremamente diverse come i commensali di ieri sera si possano incontrare, sedere attorno a un tavolo e confrontarsi. E’ fa sì che anche chi ha gusti particolarmente raffinati possa trovare pane per i suoi denti.

La rete è lo strumento, attraverso cui si sostanzia l’interesse delle persone.


Per questo, per quanto capisca benissimo la logica “dei grandi numeri” per cui c’è la tendenza a pianificare, oltre che interventi in rete mirati, anche in maniera più diffusa e “generalista” trovo che sia più riconducibile nell’ambito delle tattiche piuttosto che delle strategie e che sia un approccio che forse risente un po’ delle logiche che governano media che appartengono a territori diversi, come la televisione piuttosto che la lunga coda della rete.

Grazie per la bella serata a mrsfucsia, MrsPurple, i trick-or-treat, Mizio, Marco, MrWhite, Gianluca, Paolino, Italo, Enrico, Luca e Pietro, ci vediamo su FB vi aspetta un morso sul collo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *