Luoghi, non luoghi e marketing esperienziale

Se è vero che i non luoghi, intesi secondo la definizione di M.Augè si prestano molto alla pianificazione della pubblicità, perché sono attraversati da una enorme quantità di persone sempre diverse, è altrettanto vero che sono i luoghi che Augè definirebbe antropologici, quelli che potrebbero diventare il luogo privilegiato della pubblicità.

Pensiamo per esempio al locale preferito in cui incontriamo gli amici e a quegli spazi che sono stati chiamati da Oldenburg, il terzo luogo perché consentono di liberarsi dalle preoccupazioni e dalle responsabilità che si vivono in famiglia e al lavoro (il primo e secondo luogo).

Pensiamo a tutte le emozioni che sono legate a quel luogo: spazio perfetto per la comunicazione, no?

Perché se lo scopo del marketing esperienziale è quello di

coinvolgere il cliente offrendogli un’esperienza memorabile. associata a sensazioni e ricordi piacevoli, capace di arrivare in profondità nei sentimenti del cliente e rimanervi a lungo. (V. Megido in Nuove terre della pubblicità di G. Ambrosio, p. 51)

di certo è più facile farlo appoggiandosi ai luoghi che hanno già un significato per le persone (un esempio? Promocard…) senza dover costruire ad hoc un mondo preconfezionato dalla marca che poi, molto spesso, finisce per perdere di spontaneità.

La riflessione è nata da questo post su Creative Classics.

Questo articolo risale al lontano 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *