Pepsi investe sul social marketing, ma la piattaforma ha problemi di sicurezza

Quest’anno invece di spendere 20 milioni di $ in adv sul SuperBowl, Pepsi ha deciso di investire nel progetto di social marketing Pepsi Refresh [e qui noi social lavoratori ci auguriamo che sia sintomo di un trend].

La piattaforma è in realtà simile ad altre già viste negli scorsi mesi, come Idea Storm di Dell e altri progetti nostrani. In particolare la campagna sollecita i consumatori a inviare le loro idee e progetta di devolvere i 20 milioni di $ per una buona causa e per le  “great ideas” nel corso dell’anno. A partire dal 1° febbraio saranno i voti a determinare quali siano le idee migliori, che riceveranno finanziamenti a partire da 5.000$ fino a 250.000$. In linea con quello che sembra essere il trend del 2010, che sembra sarà particolarmente orientato a progetti di crowdsourcing.

Un esperimento imponente, ma anche rischioso. TechCrunch infatti evidenzia come siano emersi numerosi problemi in queste prime ore di vita della piattarofma, dovute soprattutto alla gestione della privacy. Lamentele simili si leggono anche sulla Pepsi Refresh Facebook Fan page. Proprio ora leggiamo l’ultimo status update sulla pagina, che annuncia:

Good morning! We’re happy to announce that the difficulties with the Pepsi Refresh submission process has been resolved, and that submissions will re-open at 12:30pm EST. We’ve been in touch with some affected users, but if you haven’t received a confirmation e-mail that your idea was received, you should log in at 12:…30 to check and finalize your your submission.

Vedremo come evolve la situazione…

1 Comment

  1. Mauri says:

    Geniale! parlo da profano del marketing ma conosco un po’ come ragiona un’azienda..bèh Pepsi intanto ha chiuso il bilancio con 20 milioni di $ in più nelle casse che di questi tempi non fanno schifo!i manager avranno pensato che la campagna poteva in un primo tempo far parlare di Pepsi nelle Università o fra gli esperti di comunicazione – giovani e non – e in un secondo momento raggiungere i potenziali bevitori delle bibite attraverso il finanziamento delle best ideas..commerciale e contabile d’accordo per una volta wow!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *