Transumers

In un mondo in cui tutto ormai è sovrabbondante i consumer sembrano essersi trasformati in transumer:

TRANSUMERS are consumers driven by experiences instead of the ‘fixed’, by entertainment, by discovery, by fighting boredom, who increasingly live a transient lifestyle, freeing themselves from the hassles of permanent ownership and possessions. The fixed is replaced by an obsession with the current, an ever-shorter satisfaction span, and a lust to collect as many experiences and stories as possible. In other words; the past is, well, over, and the future is uncertain, so all that remains is the present, living for the ‘now’.

Persone che affrontano la vita – e i consumi – come se fosse un viaggio, da fare il più leggeri possibili.

Sono orientate al miglioramento della qualità della vita, al qui-e-ora, all’effimero. Ne deriva una necessità di raggrupparsi in microgruppi che condividono le stesse preoccupazioni della vita quotidiana: “esseri identici” con i quali sfogarsi, risolvere i propri problemi intimi attraverso il contatto e l’esperienza vissuta. Non somiglia un po’ a quel che succede nelle community online? Vi ci riconoscete?

Per approfondire questa visione del consumatore Lipovetsky, G., Hypermoderns times oppure sempre di Lipovetsky, L’era del vuoto.

Questo articolo risale al lontano 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *